La storia di questo villaggio nasce negli anni settanta quando fratel Vittorino Faccia, Povero Servo della Divina Provvidenza, conosciuto come “fazzoletto nelle mani di Dio”, con l’aiuto di alcuni amici dell’Opera Don Calabria, progetta di farne un luogo di formazione spirituale per i ragazzi e le famiglie che frequentano l’Oasi San Giacomo.

Curiosa è l’immagine del fazzoletto, presa da un insegnamento di don Giovanni Calabria al giovane Vittorino.
«Vuoi essere Povero Servo?» gli chiese San Giovanni stropicciando energicamente un fazzoletto che aveva in mano. «Devi essere come un cencio, umile e disposto a tutto».
… ma fratel Vittorino non fu sono un cencio stropicciato, fu anche asciugatoio di infinite lacrime delle persone che quotidianamente andavano da lui…

Ritornando al villaggio.
Negli anni i campi estivi, e non solo, si sono susseguiti dando la possibilità a molti giovani e molte famiglie di crescere nella fede, grazie anche alle proposte dello Spazio Fiorito Mariano dell’Oasi San Giacomo.